Il CEO di Intel vuole riconquistare Apple producendo chip migliori

Solo creando chip migliori di Apple, Intel potrà riconquistare il suo storico cliente.

Il CEO di Intel Pat Gelsinger ha parlato del passaggio di Apple ai chip proprietari e di cosa può fare Intel per riconquistarla.

Pat Gelsinger

Durante un’intervista rilasciata per la trasmissione Axios della HBO, Pat Gelsinger ha detto che spera di riconquistare Apple per quanto riguarda la produzione di chip da utilizzare sui futuri Mac. Il CEO di Intel ammette però che, per raggiungere questo risultato, la sua azienda dovrà creare processori migliori di quelli che produce attualmente Apple.

Nell’intervista, Gelsinger ha anche riconosciuto gli errori di Intel e ha affermato che la società lotterà duramente per raggiungere il suo obiettivo:

Non mi arrendo mai all’idea che qualcosa non funzioni sui chip Intel. E, anche a causa dei nostri errori, Apple ha deciso che potevano fare un chip migliore dei nostri. E hanno fatto un ottimo lavoro. Quindi quello che devo fare è creare un chip migliore di quello che possono fare loro.

Spero di riconquistare questo pezzo della loro attività, così come molti altri business, nel tempo. E nel frattempo, devo assicurarmi che i nostri prodotti siano migliori dei loro, che il mio ecosistema sia più aperto e vivace del loro e che creiamo motivazioni più convincenti per sviluppatori e utenti affinché scelgano prodotti basati su Intel. Quindi, mi batterò duramente per battere Tim in quest’area.

Nel giugno del 2020, Apple ha annunciato che avrebbe abbandonato i chip Intel sui Mac per passare ai propri processori progettati su misura. La transizione agli Apple Silicon è iniziata nel novembre dello stesso anno con il chip M1 su MacBook Air, MacBook Pro da 13 pollici di fascia bassa e sul Mac mini di fascia bassa. L’azienda ha anche affermato che completerà il passaggio completo ai propri chip entro il 2023.

Ad oggi, Intel ha molto da recuperare se vuole surclassare gli Apple Silicon, poiché i benchmark hanno rivelato che il MacBook Air con un chip M1 e un prezzo iniziale di 999$ supera un MacBook Pro da 16 pollici basato su chip Intel e il cui costo è di 2.999$.  Nel frattempo, Intel ha iniziato a pubblicare annunci pubblicitari che promuovono i PC Windows sui Mac e ha persino reclutato l’ex attore “I’m a Mac” Justin Long per la sua campagna.

Attualmente, Intel produce ancora i processori di alcuni Mac, come l’iMac da 27 pollici e il Mac Pro.

MacBook Air M1 in sconto su

Concorrenza