iPad come secondo monitor: le differenze tra Sidecar e Duet Display

Quale soluzione adottare per utilizzare l'iPad come secondo monitor del Mac? Meglio la funzione Sidecar integrata in macOS Catalina o affidarsi ad un'app come Duet Display?

Con l’arrivo di macOS Catalina, gli utenti possono utilizzare nativamente i loro iPad come secondo monitor del Mac grazie ad una configurazione semplice e veloce. Su App Store esiste da tempo una valida alternativa che si chiama Duet Display.

Sidecar

Sidecar funziona sia in modalità wireless che via cavo e permette di attivare l’iPad come secondo monitor del Mac in modo semplice e veloce, purché sul tablet sia installato iPadOS 13. Questa funzione è utile per avere finestre di particolari app aperte su iPad o magari per inserire strumenti e tool di app di disegno o editing fotografico.

Un grande punto a favore di Sidebar è che supporta perfettamente la Apple Pencil su Mac. Questo significa che possiamo utilizzare l’iPad per qualsiasi operazione da effettuare su Mac, sia come dispositivo di puntamento, sia in app come Adobe Illustrator, CorelDRAV o Affinity Designer. Una tavoletta grafica di altissimo livello, con un pennino di altissima qualità.

LEGGI ANCHE: Come utilizzare Sidecar su macOS Catalina

Sono inoltre disponibili diversi comandi della barra laterale e della Touch Bar che consentono di interagire con le gesture multi-touch per selezionare, scorrere o ingrandire. Le nuove gesture di modifica del testo su iPadOS sono supportate anche con Sidecar per effettuare velocemente operazioni come copia, taglio, incolla e altro.

Sidecar richiede Mac con processori Skylake e versioni successive, nonché modelli di iPad che supportano Apple Pencil.

Mac supportati: 

  • MacBook introdotto nel 2016 o successivi
  • MacBook Air introdotto nel 2018 o successivi
  • MacBook Pro introdotto nel 2016 o successivi
  • Mac mini introdotto nel 2018 o successivi
  • iMac introdotto alla fine del 2015 o successivi
  • iMac Pro introdotto nel 2017 o successivi
  • Mac Pro2019

iPad supportati:

  • iPad Pro da 12,9 pollici
  • iPad Pro da 11 pollici
  • iPad Pro da 10,5 pollici
  • iPad Pro da 9,7 pollici
  • iPad 6º generazione o successivi
  • iPad mini 5º generazione o successivi
  • iPad Air 3º generazione

Da ricordare anche che Continuity Sketch e Markup sono due funzionalità della barra laterale che funzionano su qualsiasi Mac che supporti macOS Catalina, oltre a qualsiasi tablet con iPadOS 13 e iPhone con iOS 13.

Continuity Sketch ti consente di creare sul tuo dispositivo mobile uno schizzo che può essere inserito facilmente in qualsiasi documento sul tuo Mac. Con Continuity Markup, puoi firmare documenti, correggere documenti o cerchiare importanti dettagli nelle immagini utilizzando la tua Apple Pencil su iPad o le dita su iPhone.

Sidecar è completamente gratuito e non richiede alcun abbonamento o app da installare su iPad e Mac. Tutto funziona out-of-the-box con una configurazione semplice e immediata, purché abbiate i dispositivi supportati. Di contro, Sidecar non funziona su iPhone e su iPad o Mac datati, e le gesture sono limitate.

Duet Display

Duet Display è un’app creata da ex ingegneri Apple, che permette di trasformare il tuo dispositivo mobile in un secondo monitor per Mac o PC. L’app supporta anche i dispositivi Android e Chromebook. Il costo dell’app è di 10,99€, ma per l’utilizzo completo sono disponibili diverse forme di abbonamento. La versione per Mac può essere scaricata gratuitamente dal sito web di Duet Display.

L’abbonamento free consente di utilizzare l’iPad come secondo monitor per Mac o PC e include funzionalità come il supporto al touchscreen e alla tastiera esterna eventualmente collegata all’iPad. Tuttavia, è possibile collegare i due dispositivi tramite cavo.

Con l’abbonamento da 19,99€ all’anno è possibile attivare Duet Air, con supporto al collegamento wireless e a tutte le funzioni offerte dalla versione free. Inoltre, è possibile attivare una connessione desktop in remoto da iPad a Mac o PC accessibile da qualsiasi luogo purché ci sia una connessione internet attiva.

Al costo di 29,99€ all’anno si può attivare l’abbonamento più costoso, Duet Pro. Questo abbonamento è pensato per gli artisti digitali e include funzionalità che Sidecar non ha. Ad esempio, abbiamo il supporto a tantissime gesture in più, ma anche a maggiori opzioni di risoluzione, al desktop remoto, alle curve di pressione personalizzabili e alla sensibilità alla pressione e all’inclinazione, hover, palm rejection e resa predittiva delle linee per garantire un’esperienza di disegno naturale. Ci sono anche le scorciatoie come annulla/ripristina e la possibilità di personalizzare le prestazioni (efficienza della batteria rispetto alle prestazioni).

Sia Duet Air che Duet Pro possono essere provati gratuitamente per una settimana.

Duet Display ha dalla sua il fatto che funziona su più dispositivi e piattaforme e che offre diverse caratteristiche avanzate (versione Pro) che mancano a Sidecar. Si tratta sicuramente del meglio che un utente pro possa chiedere da un iPad come secondo monitor. Di contro, le funzionalità avanzate hanno un costo annuo e molte sono superflue per l’utente medio.

Conclusioni

Sidecar è perfetto per l’utente medio che desidera un’opzione semplice e veloce per sfruttare l’iPad come secondo monitor del Mac. Inoltre, consente di utilizzare senza problemi la Apple Pencil su tutte le app Mac supportate. A parte questo, Sidecar non offre molto altro.

Ad esempio, manca una funzione di desktop remoto e non è possibile personalizzare le impostazioni per la Apple Pencil, né quelle legate a prestazioni e risoluzione. Ripetiamo, per l’utente medio le funzioni di Sidecar sono più che sufficienti. Come per la maggior parte dei prodotti Apple, anche Sidecar funziona e basta. Non devi fare altro.

Tuttavia, se possiedi anche dispositivi Android o Windows e vuoi una maggiore flessibilità in fatto di personalizzazioni, allora Duet Display è una scelta consigliata. Inoltre, se cerchi funzionalità avanzate e professionali, Duet Display offre molte funzioni in più, anche se al costo di un abbonamento annuale.

Confronti