Genitori e tecnologia: quali sono le abitudini delle famiglie italiane?

Una ricerca condotta da D-Link ci svela quale sia il rapporto delle famiglie italiane con la tecnologia, tra tablet, sistemi di sorveglianza e pappe per neonato.

Schermata 2015-06-04 alle 15.15.12

Dalla ricerca si scopre che i genitori sono sempre più attenti a tutte le novità, visto che vanno alla ricerca di prodotti e app che possano aiutare a semplificare la routine quotidiana, dalla preparazione dei cibi alla gestione dei figli. Il 57% dei papà e delle mamme si dichiara molto tecnologico.

La tecnologia viene considerata uno strumento utile, visto che sono in pochissimi a credere che la vita da genitori sia peggiorata a causa dell’innovazione tecnologica (solo il 6%), ma per il 63% è importante saperla utilizzare e non abusarne.

In Italia, secondo i genitori di oggi, la funzionalità più importante dell’innovazione tecnologica è rappresentata dalla comunicazione a distanza, visto che permette di organizzare più facilmente la giornata, anche in caso di imprevisti. Anche il fatto di poter sempre contattare i propri figli permette di gestire le piccole preoccupazioni quotidiane, in quanto la sicurezza dei figli è un aspetto molto importante, che infatti guadagna il secondo posto con il 41% delle preferenze.

La maggior parte dei genitori italiani sfrutti la tecnologia per intrattenere o distrarre i bambini, per esempio al ristorante o durante un lungo viaggio, o quando non possono dare loro tutta la massima attenzione. In questo caso le famiglie sanno che questa funzione non è prioritaria, ma la sfruttano spesso per semplificarsi la vita.

Dall’indagine di D-Link emerge come i genitori italiani apprezzano vari aspetti della tecnologia: le fotocamere digitali sono le più amate (con un rating positivo del 99%), seguite dalle tecnologie e password per bloccare dispositivi in assenza di supervisione. Sul podio troviamo anche Computer e Internet, giudicati positivi dal 92% degli intervistati,  perché fonte di informazioni e supporto sul mondo della famiglia oppure in quanto strumenti indispensabili per le ricerche scolastiche. I dispositivi di controllo a distanza, come i baby monitor, superano i tablet e gli smartphone nella classifica di gradimento dei genitori, mentre all’ultimo gradino troviamo videogiochi e TV.

Per gli esperti di D-Link, la tecnologia può essere un valido aiuto alla vita dei genitori, soprattutto se questa viene dosata e usata sapientemente. È importante dare il buon esempio ai figli, perché i bambini  imparano imitando i grandi e come sempre, bisogna usare la tecnologia insieme a loro, senza lasciarli soli. 

E’ bellissimo immortalare i momenti piacevoli passati insieme, è un’occasione per rivedersi a distanza di tempo e ripercorrere la storia familiare. Ma quando condividiamo le fotografie è importante fare attenzione alla sicurezza dei nostri dati e alla privacy dei bambini: pubblicare una foto sui social significa anche perderne il controllo. Le immagini possono rivelare anche dettagli sulle nostre (ma soprattutto le loro) abitudini quotidiane. Educare i propri figli alla riservatezza e al rispetto degli altri significa anche proteggere la loro identità.La tecnologia spesso è usata per intrattenere i bambini, soprattutto durante i lunghi viaggi in auto come quelli per le vacanze. È bello però ricordarci che ci sono altri modi per trascorrere serenamente un viaggio: da mamma amo educare mia figlia a guardare fuori dal finestrino e osservare il paesaggio che cambia. Il viaggio può diventare così un momento piacevole di intrattenimento e interazione. Consiglio di ascoltare la musica, cantare insieme, giocare con le parole e con indovinelli, ripensare a dei momenti passati e, soprattutto se si hanno bambini piccoli, è meglio rendere il viaggio meno faticoso accompagnandolo con diverse soste.

Le regole servono: i bambini devono essere educati al rispetto delle regole stabilite ma nel contempo il genitore deve anche lasciare il proprio figlio, in alcune occasioni o spazi, libero di sperimentare. È una questione di equilibrio tra il guidarlo e il lasciarlo andare.

 

PromoProva Audible fino a 3 mesi gratis!
Curiosità