Il whitepaper di Bitcoin è nascosto in macOS

All'interno di macOS è nascosto il whitepaper di Bitoin, insieme alla misteriosa app Virtual Scanner II.

Il whitepaper Bitcoin di Satoshi Nakamoto può essere trovato su qualsiasi Mac con macOS Catalina o versioni successive, ma nessuno sa perché.

white paper bitcoin su macos

Esistono molti file nascosti su macOS che non vengono visualizzati a meno che l’utente non esegua una funzione o un comando specifico. Tuttavia, la maggior parte di questi file non è pensata per essere scoperta dagli utenti.

Andy Baio, un blogger con una lunga storia nella comunità tecnologica, ha condiviso una strana scoperta sul suo blog Waxy: il whitepaper di Bitcoin può essere trovato su qualsiasi Mac con versioni recenti di macOS e può essere visualizzato tramite un semplice comando del Terminale o navigando nel Finder.

Per farlo, su qualsiasi Mac con macOS Catalina o versioni successive, inserisci il seguente comando in Terminale:

open /System/Library/Image\ Capture/Devices/VirtualScanner.app/Contents/Resources/simpledoc.pdf

Il comando dovrebbe aprire immediatamente il whitepaper Bitcoin in Anteprima.

white papaer bitcoin mac

Per visualizzare il file tramite Finder l’utente deve accedere a Macintosh HD -> Sistema -> Libreria -> Image capture -> Devices, quindi fare clic tenendo premuto il tasto Ctrl su VirtualScanner.app e selezionare Mostra contenuto pacchetto, quindi aprire la cartella Contents -> Resources -> simpledoc.pdf.

Baio spiega che il white paper di Bitcoin viene utilizzato come documento di esempio per un dispositivo chiamato “Virtual Scanner II”. Questo dispositivo è nascosto per alcuni utenti o non è installato per impostazione predefinita.

Nessuno dentro o fuori Apple si è fatto avanti per spiegare perché esistono questi file o a cosa serve Virtual Scanner II. Malgrado questo, possiamo dire che l’esistenza di questo file in macOS non ha un significato speciale ed è solo uno strumento interno di Apple.

Il file fa parte dell’app Image Capture, che viene preinstallata su ogni Mac e consente agli utenti di scansionare le immagini da uno scanner esterno. Ovviamente, l’app è anche correlata al modo in cui macOS gestisce le stampanti, motivo per cui Baio ha finito per trovare il file. Questo file non è mai stato concepito per essere trovato dagli utenti normali e si trova all’interno di una cartella con le risorse utilizzate per i test interni dagli ingegneri Apple. La stessa cartella contiene anche altre immagini casuali e file PDF che vengono utilizzati per simulare il processo di scansione ed esportazione di documenti e immagini con l’app senza effettivamente bisogno di uno scanner.

Allora perché usare il white paper originale di Bitcoin? Difficile dirlo con certezza, ma probabilmente era solo uno scherzo degli ingegneri Apple che lavoravano su questo strumento. Il software interno di Apple è pieno di riferimenti anche goliardici. Dopotutto, gli ingegneri non si aspettano mai che gli utenti accedano a questi file.

La spiegazione più probabile è che gli ingegneri non si siano preoccupati di rimuovere questo strumento dalla build finale di macOS perché non contiene informazioni sensibili. Ma ovviamente non capita tutti i giorni di scoprire che Apple nasconde un file su Bitcoin nel suo sistema operativo. Baio afferma di aver sentito da una fonte che gli ingegneri Apple sapevano che il white paper di Bitcoin era presente in macOS e non hanno mai agito per rimuoverlo. Ma viste le ripercussioni sul web, probabilmente Apple finirà per rimuoverlo con un aggiornamento futuro.

PromoProva Audible fino a 3 mesi gratis!
Curiosità