Phil Schiller: “Vendite record per i MacBook Pro, e sul lettore di SD card…”

In una nuova intervista, il Senior Vice President of Worldwide Marketing di Apple Phil Schiller ha parlato dei nuovi MacBook Pro, affermando che le vendite stanno andando bene e spiegando perchè alcune porte sono state eliminate.

18875-18444-schiller-top-l

Sulle critiche da parte degli utenti, Schiller afferma che non è mai esistito un prodotto privo di opinioni negative da parte di qualcuno:

I nuovi MacBook Pro hanno sicuramente creato un appassionante dibattito tra gli utenti. Molte persone sono rimaste impressionate da questo dispositivo, mentre altre hanno voluto fare polemiche precoci ancor prima di provarlo. Molte di queste critiche scemeranno non appena i clienti avranno la possibilità di testare a fondo la macchina. Per noi, questo è il miglior notebook mai realizzato, ma non può piacere a tutti. Anche il primo iMac venne criticato, ma ricordo che le vendite andarono a gonfie vele.

Ottime le vendite:

Il nostro store online ha avuto più ordini dei nuovi MacBook Pro, rispetto a qualsiasi altro notebook rilasciato da noi in passato.

Schiller ha poi parlato del rapporto tra MacOS e iOS:

Le due piattaforme rimarranno distinte, così come distinto è l’hardware. iPhone e iPad sono pezzi unici di vetro touchscreen, con contatto diretto, multi-touch e app a schermo intero. Poi c’è l’esperienza Mac dominata dai nostri portatili, con contatto indiretto, cursori e menu. Fidati, abbiamo esaminato l’ipotesi di realizzare un Mac con touchscreen, ma l’esperienza utente è risultata pessima. Su un computer, il touchscreen non sarà mai comodo e intuitivo come utilizzare mouse, trackpad e tastiera.

Shiller ha commentato anche le critiche sulla mancanza di uno slot per schede SD:

Era uno slot ingombrante. La carta inserita al suo interno sporgeva al di fuori; quel foro era un comrpomesso, ma chi utilizza le card per usi professionali spesso preferisce schede XQD o CompactFlash e ha comunque bisogno di un lettore esterno. E uno slot di SD Card è oggi meno necessario, visto che le fotocamera più recenti sono dotate di trasferimento wireless. Abbiamo invece lasciato il connettore audio jack, perchè su MacBook Pro viene utilizzato da professionisti e musicisti per collegare monitor esterni e altri dispositivi audio professionali; su iPhone, invece, serviva solo per collegare un paio di cuffie.