OS X Yosemite: primo sguardo alla beta pubblica

Ieri, Apple ha rilasciato la prima beta pubblica di Yosemite, consentendo a tantissimi utenti di scaricare il nuovo sistema operativo OS X che sarà disponibile ufficialmente sono in autunno. Ovviamente, essendo una beta non mancano i bug, ma il sistema operativo è comunque in grado di offrire tantissime cose interessanti.

yosemite_macbook_air

Gli utenti che stanno testando questa prima beta pubblica di Yosemite sono divisi. C’è chi definisce questo sistema operativo come una novità grandiosa nel panorama Mac, con un’interfaccia moderna e minimal, e chi invece lo critica sotto diversi punti. Alcuni reputano inutile la modalità dark, mentre altri bocciano senza appello il nuovo font scelto da Apple. C’è anche chi dice che Yosemite è molto meno “bello” su un display non-Retina.

La maggior parte degli utenti non ha notato miglioramenti significativi nelle prestazioni rispetto a Mavericks, ma le cose potrebbero cambiare con il rilascio della versione finale.

Ci sono poi tanti bug che vengono segnalati sui forum specializzati. C’è chi ha notato problemi con l’installazione di Yosemite su una partizione e chi ha avuto problemi nel riscattare il codice (qui la soluzione).

Ovviamente ci sono anche bug relativi alle funzioni di Yosemite: blocco di Activity Monitor, gestione errata degli account iTunes, difficoltà di effettuare chiamate FaceTime, connessioni Wi-Fi ballerine. Ci sono poi problemi con app specifiche come Spotify e Microsoft Office.

Continuity sembra funzionare bene (ovviamente per chi possiede anche iOS 8 su iPhone o iPad), anche se il sistema risulta ancora un po’ lento nel collegamento. Molto apprezzate, invece, sono la nuova Calcolatrice e la versione 12 di iTunes.

 

 

 

MacBook Air M2 in sconto su

Approfondimenti