iFixit smonta il MacBook Air M2, c’è l’accelerometro

Scopriamo cosa nasconde al suo interno il nuovo MacBook Air M2.

iFixit ha messo le mani sul nuovo MacBook Air M2 per effettuare il teardown del dispositivo e scoprire cose c’è al suo interno.

ifixit teardown macbook air m2

Attraverso un’immagine a raggi X, iFixit mostra uno dei principali cambiamenti in questo nuovo MacBook Air: gli speaker. In precedenza, gli altoparlanti erano posizionati sul lato sinistro e destro del laptop, mentre ora sono posizionati sopra la tastiera, nascosti tra il case e il display.

Rimuovere il coperchio inferiore del MacBook Air M2 è diventato più semplice poiché ora ha solo quattro viti invece di dieci. Sebbene questo si traduca in un design molto più minimal, non significa che questa macchina sia più facile da riparare. La maggior parte dei connettori della scheda logica e della batteria sono nascosti e protetti, ma scollegarli non è molto difficile.

La scheda logica è inoltre protetta da uno schermo metallico e, ovviamente, è estremamente compatta, quasi come se ci fosse un iPad all’interno di questo Mac, il che è vero dal momento che Mac e dispositivi iOS condividono la stessa architettura dei chip Apple Silicon. Inoltre, non sorprende che i componenti siano saldati alla scheda logica e non possono essere sostituiti facilmente.

Come confermato da Apple, iFixit ha appurato che il MacBook Air M2 viene fornito con un singolo chip NAND da 256 GB per l’SSD nella sua configurazione entry-level. Proprio come con il nuovo MacBook Pro da 13 pollici, questo si traduce in prestazioni SSD più lente rispetto ai modelli che hanno due chip NAND combinati.

Per fare un confronto, mentre le velocità di lettura dell’SSD dei MacBook M1 raggiungono quasi 3 GB/s, l’SSD da 256 GB nei nuovi MacBook M2 raggiunge a malapena gli 1,5 GB/s. Si tratta in pratica della metà della velocità dei MacBook della generazione precedente e dei modelli più costosi M2 con una memoria interna più ampia.

I MacBook Air M2 includono un nuovo driver Thunderbolt 3 prodotto da Apple invece di Intel, un chip USI per Wi-Fi e Bluetooth (e niente ultra wideband) e un accelerometro, sensore utilizzato per rilevare il movimento. Non è chiaro il motivo per cui Apple abbia inserito uno di questi sensori all’interno di un Mac, ma potrebbe essere correlato a una funzionalità non rilasciata o ad un sistema che rileva in fase di assistenza se l’utente ha fatto cadere accidentalmente il Mac.

iFixit rileva inoltre che il MacBook Air M2 non dispone di un dissipatore di calore, quindi si basa esclusivamente su pasta termica e nastro di grafite per diminuire il calore dai componenti interni. In attesa di ulteriori test, è probabile che il MacBook Air M2 si scaldi molto di più dei MacBook Pro M2 dotati di ventola, almeno durante l’esecuzione di attività super impegnative.

La batteria da 52,6 Wh è incollata alla custodia con adesivi e il trackpad Force Touch può essere facilmente rimosso.

Il MacBook Air M2 è riparabile? Sebbene si possano sostituire alcuni componenti, farlo non è esattamente sicuro e richiede gli strumenti giusti. Ovviamente, non è possibile sostituire cose come la CPU o l’SSD, quindi stiamo parlando solo di batteria, trackpad, altoparlanti e tastiera.

I prezzi dei nuovi MacBook Air 2022 con chip M2 partono da 1.529€ per la versione da 256GB e da 1879€ per la versione da 512GB. Eventuali personalizzazioni sono da valutare sul sito Apple.

Su Amazon, i nuovi MacBook Air 2022 sono già disponibili agli stessi prezzi di listino ma con il vantaggio di poter rateizzare l’importo direttamente con Amazon e senza interessi.

iMac in sconto su

Hardware