MacBook Air M2 o iPad Pro M1? Quale scegliere?

Due chip diversi eppure molto simili: è meglio iPad Pro o MacBook Air?

MacBook Air M2 vs iPad Pro M1: scopriamo le differenze tra le due macchine e i rispettivi punti di forza per aiutarvi a scegliere.

macbook-air

Il MacBook Air M2, tanto apprezzato quanto discusso, può essere comparato all’iPad Pro M1? Come afferma anche 9to5Mac, usare iPad Pro come un vero e proprio computer è possibile grazie all’estrema potenza di cui è dotato e alla vasta gamma di applicazioni e software su App Store. Tuttavia, il tablet di Cupertino, pur potendo contare sul chip Apple Silicon M1, può risultare macchinoso e scomodo in una certa percentuale di operazioni che vengono, invece, svolte perfettamente sui Mac come l’ultimissimo MacBook Air M2.

Viceversa, anche il MacBook Air M2 – così come tutti gli altri – non può garantire la piena soddisfazione in quanto ci sono operazioni che possono essere eseguite solamente con un iPad Pro. Al netto delle preferenze personali, queste sono le principali differenze tra gli utilizzi tipici di un prodotto e dell’altro.

Utilizzi tipici MacBook Air M2 iPad Pro M1
Navigazione web ✔️ ✔️
Mail ✔️ ✔️
Office / iWork ✔️ ✔️
Foto-ritocco Professionale Semi-professionale
Video-editing Professionale Semi-professionale
Produzione musicale Professionale Semi-professionale
Grafica Professionale Semi-professionale
Funzionalità tavoletta grafica X ✔️
Strumenti musicali X ✔️
Social ✔️ ✔️
Studio ✔️ ✔️
Funzionalità AR X ✔️
Programmazione ✔️ X
Gaming ✔️ ✔️

La tabella non mente e se vi trovate nella condizione di avere bisogno di tante funzioni di iPad Pro quante di MacBook Air allora potreste doverli acquistare entrambi.

Personalmente, ho notato negli anni che un MacBook può aiutarmi con tutti i compiti lavorativi quotidiani ad eccezione delle funzionalità legate alla Apple Pencil, invece esclusive di iPad. In queste condizioni, con una tavoletta grafica (anche low cost) il problema viene superato agevolmente ma mi rendo conto che per utilizzi particolari, come il dover suonare più strumenti durante la produzione musicale oppure per sfruttare appieno Sidecar e Controllo Universale, possono essere utili entrambi.

MacBook Air m2 vs iPad Pro m1

Ovviamente non tutti gli utenti necessitano di entrambe le macchine e possono far respirare maggiormente le proprie finanze acquistando solo uno dei due prodotti.

Prezzi e tagli di memoria

I prezzi di entrambi i prodotti sono molto vicini, soprattutto se consideriamo iPad Pro da 12,9″, il più simile al MacBook Air a livello di diagonale dello schermo. Il MacBook Air M2 costa leggermente di più e offre, oltre al chip M2, un sistema più completo in termini di porte, di OS (macOS) e periferiche come la tastiera retroilluminata con trackpad integrata. Di contro iPad Pro è disponibile anche in un taglio più economico da 128GB e offre il display Liquid Retina XDR e il sensore LiDAR ma richiede accessori separati come Magic Keyboard, Apple Pencil e HUB USB-C.

Storage MacBook Air M2 iPad Pro M1
128GB X 1219€
256GB 1529€ 1329€
512GB 1879€ 1549€
1TB 2109€ 1989€
2TB 2569€ 2429€

Parlando di prezzi e di accessori, va tenuto conto dell’innumerevole parco accessori di terze parti che aiuta a risparmiare per un set completo dedicato ad iPad così come vanno tenuti in considerazione i prezzi scontati o rateizzabili su Amazon che aiutano a risparmiare sull’acquisto della macchina e diminuire così la pressione del nuovo acquisto.

Differenze hardware tra MacBook Air M2 e iPad Pro M1

apple chip m2

Chiusa la parentesi sui due chip differenti, scopriamo quali sono le altre differenze hardware sostanziali tra i due prodotti in esame. Per maggiori informazioni sul chip Apple Silicon M2, vi invitiamo a leggere il nostro approfondimento dedicato.

Display iPad Pro vs MacBook Air

MacBook Air m2 vs iPad Pro m1

Il display di iPad Pro è notevolmente più avanzato rispetto a quello montato su MacBook Air in quanto offre la tecnologia ProMotion con refresh rate fino a 120Hz e supporta l’HDR con un picco di luminosità fino a 1600nit. Inoltre, la tecnologia alla base dello schermo del tablet di Cupertino è miniLED e questo garantisce un notevole miglioramento nell’effetto blooming e nella gestione dei contrasti. Di contro, il display di MacBook Air è fermo a 60Hz e offre un picco di luminosità pari a 500nit.

Fotocamere

La fotocamera posteriore di iPad Pro non trova rivali in quanto il MacBook Air ne è sprovvisto e così anche il sensore LiDAR per il calcolo della profondità e le applicazioni AR diventano un punto aggiuntivo a favore di iPad Pro. La fotocamera frontale del nuovo MacBook Air, rinnovata, è assimilabile a quella di iPad Pro che, però offre anche il sensore TrueDepth per il Face ID, al contrario del Mac che integra il Touch ID.

Altoparlanti

Secondo 9to5Mac, il suono di iPad supera quello dei nuovi MacBook Air nonostante il sistema a quattro speaker sia praticamente lo stesso. Il suono proveniente dagli altoparlanti di iPad appare più corposo, soprattutto nei bassi.

Porte ed espansioni

Non c’è iPad che tenga se parliamo di porte: il MacBook Air M2 ha tutto quello che serve, compresa la nuova porta MagSafe per la ricarica. Se iPad integra solo una porta USB-C, il computer di casa Apple ne mette a disposizione due, tra l’altro Thunderbolt. E anche nel caso in cui si scelga di usare iPad Pro con la Magic Keyboard la porta USB-C sfruttabile per il collegamento di accessori è solo una in quanto quella integrata nella tastiera serve solo per l’alimentazione.

Batteria e autonomia

MacBook Air vince anche nel campo dell’autonomia grazie ad una migliore gestione energetica, merito anche del chip M2. iPad Pro, per quanto longevo, non supera – mediamente – le 7-8 ore di utilizzo con una ricarica a differenza del MacBook Air che ne raggiunge anche 15-16 in condizioni reali di utilizzo. Anche nella velocità di ricarica, il MacBook Air M2 supera iPad Pro grazie al supporto alla ricarica a 67W rispetto ai 33W del tablet.

Considerazioni finali: MacBook Air M2 vs iPad Pro M1

MacBook Air M2 vs iPad Pro M1

È chiaro che in termini di versatilità iPad Pro può essere il dispositivo perfetto in quanto lo si può usare come tablet per tutti gli scopi di intrattenimento, creazione multimediale, gaming e consultazione web, dotandolo all’occorrenza della tastiera e degli accessori giusti per usarlo come un vero e proprio computer. Con iPadOS 16 poi, grazie a Stage Manager, la produttività potrà solo migliorare e anche il supporto ai monitor esterni senza più quel fastidioso ritaglio del display.

Di contro, un MacBook Air riesce a sfruttare meglio la batteria e garantire quasi due giorni lavorativi con una ricarica, oltre a permettere l’uso di applicazioni di classe desktop che – nei settori creativi professionali – fa la differenza. Se iPad può sfruttare app come Photoshop, Affinity, Luma Fusion, Darkroom, Capture One per lavorare sulle immagini, un Mac ha ancora più margine con le versioni desktop di questi software e anche con Final Cut, Premiere Pro, DaVinci Resolve. Stesso discorso per gli sviluppatori, che su Mac hanno illimitate possibilità, Xcode compreso.

Quale acquistare? Tutto si riduce al grado di complessità dei software. Chi necessita di programmi di classe desktop dovrà – per forza di cose – avvicinarsi al MacBook Air M2 (o ai MacBook in generale) mentre gli altri potranno valutare iPad Pro (o iPad Air M1) in base alle esigenze in termini di portabilità, accessori e funzionalità specifiche.

Mac mini in sconto su

Approfondimenti