Teardown MacBook Pro 2018, difficilissimo da riparare!

iFixit ha smontato il nuovo MacBook Pro 2018 da 13 pollici per scoprirne tutti i componenti hardware, dopo aver studiato a fondo la nuova tastiera a farfalla di terza generazione.

Il nuovo MacBook Pro passa da una batteria a cinque celle e 49,2 watt-ora a una batteria a sei celle da 58 watt-ora. La batteria è infatti leggermente più pesante: 232,7 grammi rispetto ai 196,7 del precedente modello. Gli altoparlanti aggiornati sono entrambi “più lunghi e più stretti“, al punto che toccano la scheda logica. Per compensare, Apple sembra aver tagliato un po’ di massa dal top case.

Il teardown illustra principalmente le caratteristiche già note del nuovo Pro, come il suo coprocessore T2 per funzioni come “Hey Siri”, maggiore sicurezza e operazioni di avvio. Un altro punto di interesse è l’adattatore di alimentazione modificato, modello A1947, che ha una maggiore schermatura e una maggiore schiuma resistente agli urti, a scapito del passaggio da una porta USB-C dal metallo alla plastica.

Come per i precedenti modelli, anche questo MacBook Pro è difficilissimo da riparare senza affidarsi all’assistenza ufficiale, visto che processore e memoria sono saldati, mentre batteria, tastiera e altoparlanti formano un’unica unità. L’unico miglioramento significativo si trova nel trackpad, che può essere rimosso estraendo diverse viti Torx.

Hardware