xScan, il software per la promozione odierna…

Al secolo “CheckUp”, cambio di nome, ma non di passo, per l’applicazione di monitoraggio del sistema sviluppata da adnX che continua a mostrare problemi di compatibilità con gli ultimi OS della Mela.

screen_1

Noto ai piu’ come CheckUp, di recente rinominato xScan, in virtu’, probabilmente del maggior hype ottenibile, l’offerta odierna pone in vetrina l’utility di monitoraggio del sistema sviluppata da adnX, software che, controllando costantemente lo stato del sistema è in grado di evidenziare in modo tempestivo problemi e segnalarli sia direttamente sul monitor sia tramite email o altri servizi configurati (nel caso in cui, ad esempio, non si stia presidiando la postazione o la si utilizzi come server).

screen_6

Le funzionalità sono copiose e vanno ben oltre il semplice “monitoraggio” in base a parametri predefiniti in quanto l’utility può essere configurata anche per controllare i processi in esecuzione, valutare la banda di rete utilizzata, scovare eventuali reti WiFi nell’area, offrire un report esaustivo delle componenti (hardware e software) connesse o installate sul Mac ma anche fornire una reportistica in formato PDF dei dati desiderati.

Se a tutto ciò aggiungiamo una realizzazione grafica chiara e di gradevole consultazione potremmo pensare di aver trovato l’app ideale per tali scopi tuttavia il tallone d’Achille, stando almeno alle, purtroppo, numerose segnalazioni, è la tendenza ad occupare piu’ cicli CPU del dovuto, il che rende xScan da applicazione, che dovrebbe essere, da “background” a vero e proprio processo in primo piano a tutto discapito delle prestazioni generali del sistema.

Lo sviluppatore nelle ultime revisioni si è focalizzato per limitare questa problema ma purtroppo ancora persiste (soprattutto da Mac OS X 10.7.x in poi). Volendo, però, si potrebbe comunque acquistare xScan, dando fiducia alla software-house, e sfruttando la promozione in corso grazie a cui è possibile risparmiare ben il 67% sul prezzo di listino, ed avere una licenza a meno di 10 euro (9,99 dollari) anziché 29,99 dollari.

Il nostro consiglio è quello di provare la versione dimostrativa, scaricabile da qui, e nel caso in cui fosse pienamente compatibile (o non manifestasse i problemi di cui sopra) comprarla puntando direttamente su questa pagina.

Offerte