Parallels 16.5 introduce il supporto nativo ai Mac M1

Anche Parallels ora supporta ufficialmente i nuovi Mac dotati di chip M1.

Parallels ha rilasciato ufficialmente la versione 16.5 che introduce il supporto nativo per i nuovi Mac con chip M1. Con questa nuova versione gli utenti potranno virtualizzare Windows 10 ARM Insider Preview su Mac Apple Silicon.

Parallels 16

Parallels afferma che oltre 100.000 utenti hanno testato le precedenti Technical Preview prima del rilascio della versione finale. Oltre a provare Windows 10 ARM, i beta tester hanno anche testato “decine di migliaia di diverse applicazioni basate su Intel“.

Secondo Parallels, la nuova versione porta dei vantaggi in termini di prestazioni ed efficienza piuttosto significativi con i nuovi Mac M1. In particolare, l’azienda garantisce:

  •  Fino al 250% in meno di energia utilizzata: su un Mac con chip Apple M1, Parallels Desktop 16.5 utilizza 2,5 volte meno energia rispetto ad un MacBook Air 2020 basato su Intel.
  • Prestazioni migliori fino al 60% con DirectX 11: Parallels Desktop 16.5 in esecuzione su un Mac M1 offre prestazioni migliori fino al 60% rispetto ad un MacBook Pro basato su Intel con GPU Radeon Pro 555X.
  • Fino al 30% in più di prestazioni con una macchina virtuale (Windows): l’esecuzione di una macchina virtuale (VM) di Windows 10 ARM Insider Preview su Parallels Desktop 16.5 su un Mac M1 offre prestazioni fino al 30% migliori rispetto ad una VM di Windows 10 in esecuzione su un MacBook Pro con processore Intel Core i9.

Parallels 16.5 è disponibile al download dal sito web ufficiale dell’azienda.

MacBook Pro 16" (512GB) in offerta su

Aggiornamenti